Deliberato l’accordo triennale per un kiwi di qualità

Settembre 2016

ROMA – L’Organizzazione Interprofessionale dell’ortofrutta italiana Ortofrutta Italia ha deliberato un accordo per la filiera italiana del kiwi di valenza triennale, orientato ad un percorso di aumento qualitativo, alla corretta informazione per gli operatori e allo sviluppo dell’export con un prodotto di qualità, spedito al momento giusto.

L’intesa, si legge in un comunicato, ricalca nel suo testo il percorso avviato da quattro anni, ribadendo la stringente necessità di alimentare un processo di miglioramento qualitativo di sistema per tutto il kiwi italiano.

“In particolare è necessario porre la massima attenzione all’inizio del periodo di commercializzazione che – dice il presidente Nazario Battelli – a causa delle raccolte e delle spedizioni sempre più anticipate, si sta sempre più caratterizzando con una forte diminuzione di valore di tutto il kiwi di produzione nazionale rispetto a quello dell’altro emisfero, e inoltre è ormai ben evidente che, limitandoci al solo rispetto delle norme di commercializzazione in vigore, il differenziale organolettico a nostro sfavore è nettamente percepito dai consumatori”.

Il comitato di prodotto Kiwi di Ortofrutta Italia, prosegue la nota, nel predisporre l’accordo interprofessionale 2016/2018 ha tenuto conto soprattutto di questa difficile situazione commerciale, “ma anche del forte aumento delle superfici di questa produzione che se non innalza la propria ‘reputazione commerciale’ nei mercati internazionali, confrontandosi con quella consolidata delle produzioni dell’emisfero australe, rischia seriamente un tracollo reddituale di tutta la filiera ed in particolare della produzione agricola. Il costante confronto con il prodotto di altre provenienze impegna i rappresentanti della filiera che compongono l’OI ad attuare, oltre ad un accordo di miglioramento qualitativo, anche una nuova fase di qualificata informazione tecnica verso i vari operatori professionali ed una forte sollecitazione alle Istituzioni preposte, per adeguati controlli sulla qualità del prodotto e del suo condizionamento”.

Un accordo quindi, sostiene Ortofrutta Italia, che si caratterizza innanzitutto con una visione pluriannuale in continuità con il percorso già effettuato e per il raggiungimento degli obiettivi concordati. Inoltre si concentra in poche e semplici regole di aumento qualitativo del prodotto, puntando alla definizione di un grado zuccherino più alto della norma e con la giusta durezza, (quest’ultimo parametro non è neanche previsto nelle norme europee di qualità) ed infine focalizza l’attenzione sulla determinazione delle giuste date di spedizione per l’esportazione, “ritenendo quest’ultima il canale di sviluppo principale ed in cui va quindi recuperata l’immagine complessiva del kiwi italiano sui diversi mercati internazionali, con un prodotto adeguato alla migliore immissione al consumo. Dentro questo percorso e consapevole della non breve tempistica richiesta dalle norme comunitarie e nazionali nonché dall’incrocio con la condizione giuridica di base determinata dal rinnovo del riconoscimento ad Ortofrutta Italia – conclude il comunicato – il Consiglio di amministrazione, a maggioranza, ha anche fatto richiesta al Mipaaf dell’estensione delle regole concordate nell’Accordo interprofessionale”.

Related posts:

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: info@agrimpresaonline.it - tel. 0516314311 Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl - via Bigari 5/2 Bologna

PRIVACY - COOKIES - NOTE LEGALI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: