La collina romagnola tra problemi e prospettive: le proposte della Cia

Novafeltria (Rimini) – Cia Romagna organizza per mercoledì 20 giugno, a Novafeltria (RN), un evento pubblico su un tema sempre più stringente: la situazione collinare e montana, la situazione dell’agricoltura a queste altitudini ed il suo ruolo di presidio e manutenzione del territorio da parte degli agricoltori e di tutti coloro che vivono queste zone. Le problematiche della collina e della montagna sono enormi e vanno risolte per contenere ed evitare lo spopolamento di queste aree e le aggravanti conseguenze a livello sociale, economico, ambientale che ricadrebbero su tutto il territorio nel suo insieme. Al confronto Cia Romagna ha invitato la Regione Emilia Romagna con gli assessori Simona Caselli (agricoltura, caccia e pesca) e Paola Gazzolo (difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna) e rappresentanti delle istituzioni locali. Per la Cia saranno presenti il presidente nazionale Secondo Scanavino e regionale Cristiano Fini.

Scanavino ha affermato: “È necessario accendere i riflettori della politica sulle zone della dorsale appenninica per continuare a farle vivere e non spopolarle”.
“L’intenzione di Cia Romagna – afferma il presidente Danilo Misirocchi – è di lavorare in maniera propositiva con tutte le istituzioni sul versante normativo e burocratico: vogliamo fare proposte concrete sia per questioni che possono essere risolte subito sia in prospettiva, ad esempio per superare leggi che si contraddicono e che così vanno ad aumentare tempi e volumi di carte burocratici, già di per sé troppo pesanti da sostenere. Vogliamo confrontarci su leggi difficilmente applicabili, perché non tengono conto della specificità dell’agricoltura, che cambia anche in base a dove viene praticata”.

Cia Romagna intende approfondire anche un ragionamento di tipo imprenditoriale sulle opportunità che ci sono e che ci possono essere e che possono portare reddito alle colline, “valorizzando la multifunzionalità dell’agricoltura, la qualità e il valore aggiunto – ha specificato Misirocchi -. Il risultato da raggiungere è quello di creare le condizioni per avere reddito in collina, unico modo per farvi restare persone e attività”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: