Pac: per la Corte dei conti Ue gli aiuti verdi sono complessi e inefficaci e il ‘greening ha ‘condizionato’ solo il 5% delle superfici agricole europee

Gli aiuti verdi agli agricoltori hanno reso la Pac più complessa con benefici troppo modesti dal punto di vista ambientale. È quanto emerge dal rapporto della Corte dei conti (Eca) europea sul ‘greening’. Il meccanismo introdotto nella riforma del 2013, che vincola il 30% dei pagamenti diretti agli agricoltori all’applicazione in azienda di tre pratiche agronomiche ‘verdi’, “è troppo complesso in proporzione ai limitati benefici che reca all’ambiente”, sintetizza Samo Jereb, il responsabile della relazione.

L’Eca sottolinea che l’introduzione del ‘greening’ ha fatto registrare un cambiamento delle pratiche agricole solo per il 5% della superficie agricola dell’Ue.

Ricordiamo che di recente, nel quadro dell’impostazione della futura Pac post 2020, anche Cia – Agricoltori Italiani aveva espresso le proprie critiche al meccanismo del ‘greening’; l’occasione più recente, il 4 dicembre scorso quando il presidente Secondo Scanavino – all’Assemblea annuale di Cia Reggio Emilia – ha ribadito come questo meccanismo aggrava la burocrazia, ricordando quanto si è dovuto penare per avere l’erba medica tra le colture di ‘inverdimento’ ed inefficace dal punto di vista del miglioramento dell’ambiente.

Articoli correlati:

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: