Il grano duro del nord ha fatto flop

vignetta sul grano

Claudio Ferri

Gli attacchi fungini sul frumento, causato dalle piogge intense di maggio, sono responsabili di una campagna cerealicola zoppicante, sul piano produttivo e qualitativo.
A farne le spese soprattutto il grano duro che, oltre a perdere in qualità, sconta produzioni inferiori anche del 50%. Va meglio per il grano tenero che in quanto a proteine ha evidenziato buone performance, anche in quantità. Nomi come fusarium o grano volpato (cioè colpito da volpe o carie del grano ndr), sono patologie quest’anno particolarmente diffuse che rendono in molti casi inutilizzabili le farine per la produzione di pasta. Il ‘volpato’, infatti, conferisce un colore giallastro alla farina, caratteristica merceologica che l’industria non ritira poiché trasmette la stessa sfumatura alla pasta. Il grano è una coltura che tutti gli anni perde superfici, fenomeno aggravato dal problema delle micotossine e accentuato da un clima che cambia: il ‘duro’, in quanto più sensibile alle stagioni umide, rischia di lasciar spazio ad altre coltivazioni.
“Quest’anno una parte di questi cereali prenderanno altre destinazioni, specialmente quelle zootecniche – spiega il presidente dell’Ager, Associazione granaria emiliana romagnola, Patrizio Chieregato -, una situazione che va ad incidere sulle quotazioni degli altri cereali, come ad esempio il mais. Se mangimisti trovano, infatti, sul mercato derrate alternative come il grano appunto, ad un prezzo competitivo, questo va a condizionare il listino anche del granoturco ed altri cereali ad uso zootecnico. Anche perché il mais, in certe annate, può presentare le aflatossine dannose per la salute. Per il mangimista – osserva Chieregato – è indifferente acquistare mais o grano perché il discrimine è il prezzo, mentre l’industria esige la qualità, oltre a grani di forza di cui non può fare a meno in molti processi produttivi”.

Riguardo al grano che presenta il volpato, la percentuale non deve superare il 6%, soglia oltre la quale i pastifici non ritirano il prodotto, per via della colorazione.
Oltre ai problemi di natura merceologica, sul ‘tenero’ la competizione è alta dove i Paesi dell’est europeo esportano a prezzi estremamente concorrenziali.
Sul frumento duro c’è chi comincia a sostenere che è una forzatura produrlo al nord. “Il clima incide sicuramente molto anche sulle caratteristiche merceologiche di questo cereale- rileva il direttore di Ager Adrea Villani – e nelle aree settentrionali sono migliori rispetto al Mezzogiorno. Va detto, tuttavia, che nelle regioni del nord ci sono maggiori rischi di contaminanti perché più esposto alle avversità atmosferiche”.

Bologna ha una tradizione sul grano e il prodotto si quota franco partenza, con l’intento di aggiungere valore e difendere la produzione locale.
Da Parma a Ravenna i frumenti presentano caratteristiche merceologiche buone, Bologna poi ha una lunga tradizione granaria.

“In queste aree tutti riconoscono che i grani sono di qualità superiore – sottolinea il presidente di Cia – Agricoltori Italiani di Bologna, Marco Bergami, che ha una lunga tradizione di cerealicoltore – e nel listino si valorizza questo plus: c’è domanda proprio per le ottime caratteristiche. Per tutelare le filiere cerealicole ‘made in Italy’ occorre, tuttavia, sostenere maggiormente la produzione – osserva ancora Bergami – perché se non c’è prodotto nazionale il ‘brand Italia’ perde valore. La Borsa Merci di Bologna è un punto di riferimento per l’Europa e nel mondo, quindi le produzioni locali vanno salvaguardate, ma gli agricoltori fanno fatica a produrre con prezzi bassi che non sono remunerativi”.

Scacco matto del maltempo all’agricoltura emiliano romagnola

girasoli allettati

Claudio Ferri

BOLOGNA – “Fatta eccezione per il Parmigiano Reggiano, che fortunatamente mantiene quotazioni di prezzo soddisfacenti, tutti i comparti agricoli segnano il passo. Alla prima metà di giugno possiamo già stimare con certezza l’ennesima annata particolarmente difficile per il settore primario dove, in primis, l’ortofrutta deve fare i conti con i danni da maltempo dove le produzioni sono state decimate, in particolare pere e ciliegie”.

Continua a leggere

Cimice asiatica: l’impiego dei nemici naturali per contrastarla sta dando buoni risultati, ma solo le evidenze di campo potranno confermarne l’efficacia

vignetta sulla cimice asiatica

Consorzio fitosanitario di Modena

Nello scorso biennio la lotta biologica ad Halyomorpha halys attraverso l’impiego di parassitoidi oofagi, piccoli imenotteri che depongono le loro uova in quelle di altri insetti, è stato un argomento dibattuto tra tecnici e agricoltori e più volte ripreso dai media.

Se i toni usati sono stati in alcuni casi eccessivamente entusiastici è però innegabile che l’impiego di questi nemici naturali stia destando un certo interesse anche per chi da anni è impegnato nella ricerca di mezzi per contrastare un insetto invasivo e dannoso come la cimice asiatica. Fin dall’inizio il Consorzio fitosanitario di Modena è stato attivo e sensibile verso questo argomento, impiegando energie e risorse per valutare direttamente le reali potenzialità di questi insetti utili.

Continua a leggere

Le imprenditrici sono multitasking e si adattano meglio ai cambiamenti che caratterizzano il settore agricolo

Luana Tampieri, presidente Donne in Campo Emilia Romagna

Anche quest’anno in occasione della “Giornata Internazionale della Donna”, giornata ufficializzata dall’Onu solo nel 1977, l’Associazione Donne in Campo Emilia Romagna si mobiliterà con le altre Associazioni del ‘Sistema Cia’ per ricordare e riconoscere le conquiste politiche, economiche e sociali del genere femminile.

Continua a leggere

La filiera avicola italiana copre il fabbisogno nazionale, è viva, ma richiede una fiscalità agevolata e un sostegno con programmi di sviluppo

Angela Garofalo, ufficio Politiche zootecniche Cia nazionale

Un settore per certi aspetti sottovalutato ma nei numeri estremamente forte: il settore avicolo incide notevolmente nell’agroalimentare italiano, sul fatturato agricolo il 4.9% per il pollame e 2.3% per il comparto uova (dati istat 2017) generando un valore complessivo di 4.189 mln di euro.

Continua a leggere

L’antica festa crudele dalla morte alla ‘resurrezione’ del maiale

maiali

Alessandra Giovannini

DALLA REDAZIONE – Lo si comprava dal mercatino di passaggio e mangiando di tutto ingrassava fino a Natale, tanto che la sua grassezza testimoniava implicitamente il benessere della famiglia che lo aveva nutrito, poi lo si uccideva e si dava inizio a quella che era una delle feste più importanti dell’anno.

Continua a leggere

Le potenzialità della canapa tra le difficoltà normative e le incerte prospettive di mercato

canapa piantagione

Claudio Ferri

Una coltura che fino agli anni Cinquanta del secolo scorso era coltivata intensamente in molte parti del mondo, compresa l’Italia, con regioni che, come l’Emilia Romagna, più di altre producevano tonnellate di fibra per l’industria tessile.
A quei tempi non si parlava di contenuto in Thc (Tetraidrocannabinolo, il principio attivo della cannabis), ma di rese per unità di superfice.

Continua a leggere

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat