Le tante sfumature del sorgo

coltura del sorgo

BOLOGNA – Aumenta la produzione, diminuisce leggermente la superficie coltivata. È questo il trend che ha caratterizzato la diffusione del sorgo in Italia nel 2018, secondo gli ultimi dati disponibili. Siamo infatti passati da una produzione di 241.514 tonnellate del 2017 a 293.864 tonnellate, mentre gli ha coltivati si sono ridotti da 40.900 a 39.500 (fonte Istat).

L’Emilia Romagna è la regione che si colloca al vertice della piramide produttiva nazionale del sorgo, il quinto cereale per importanza nel mondo. Nel 2018 è stato coltivato su una superficie di 22.712 ettari a fronte dei 23.000 del 2017 raggiungendo una produzione totale di 206.931 tonnellate, e incassando un incremento del 27,7% (fonte Istat).

“Se di sorgo attualmente si sta parlando con sempre maggiore insistenza – dichiara Alessandra Sommovigo del Crea – è perché si tratta di una coltura che risponde agli input richiesti e determinati dalle conseguenze dei cambiamenti climatici: ridotto fabbisogno di acqua irrigua, scarsamente attaccabile dalla piralide e totalmente immune dagli attacchi delle micotossine. Se a questo aggiungiamo la sua grande rusticità e un panorama varietale molto ampio che gli permette di essere seminato in condizioni in cui altre colture, come il mais, avrebbero grandi difficoltà a crescere, si fa presto a comprendere l’interesse che sta suscitando tra gli operatori e gli addetti ai lavori”. Oggi il catalogo europeo, sia comunitario che extracomunitario, presenta una vasta e diversificata offerta sia per quanto riguarda il sorgo da granella che da foraggio. All’interno della Ue le varietà sono oltre 300: il 95% è composto da ibridi mentre il 54% riguarda il rinnovamento varietale avviato nel 2011. Nei Paesi extraUe le varietà raggiungono circa le 300 unità che per entrambe le tipologie hanno registrato un forte rinnovamento dal 2014, in particolare con le soluzioni ibride precoci più performanti e adatte al clima continentale.

“La ricerca scientifica sul miglioramento genetico del sorgo, che in Francia è particolarmente attiva a differenza del nostro Paese dove è ferma da diverso tempo – precisa il Crea – si basa su alcuni punti in particolare che riguardano il rendimento e la stabilità; la precocità, ma anche la tolleranza alle basse temperature nel momento dell’emergenza e della fioritura e alla siccità; la resistenza all’allettamento e alla caratteristica “stay green” oltre che alle malattie e alle avversità. Inoltre, la qualità della granella deve garantire un bassissimo contenuto di tannini, una buona consistenza e colore, un significativo contenuto di amido e un’ottima qualità sanitaria. Riguardo il foraggio deve essere assicurata la digeribilità e il valore nutritivo, il carattere BmR (Brown mid Rib) e il contenuto di zuccheri”.

Secondo i più recenti studi pubblicati dal sito Sorghum ID, progetto triennale europeo finalizzato a incentivare e promuovere la coltivazione del sorgo in Europa, tra le peculiarità di questa coltura si inserisce anche la ridotta richiesta di fertilizzanti dal momento che per ottenere il massimo rendimento sono sufficienti 100-150 kg di azoto e 60 kg di fosforo e potassio. Gli stessi studi affermano che dopo il raccolto nel terreno rimane il 40% di azoto, l’80-85% di potassio e tra il 20-30% di fosforo.

Il sorgo valorizza, inoltre, notevolmente l’acqua nel terreno grazie al suo efficiente sistema radicale e alla regolazione dell’evapotraspirazione. Il suo fabbisogno idrico totale è modesto e non supera i 400-500 mm, (riserva del terreno+pioggia+irrigazione) e grazie al suo meccanismo di assorbimento della CO2 viene garantito un miglior rendimento della fotosintesi e quindi una migliore efficienza in condizioni di caldo e siccità: per questo il sorgo viene definito una pianta “C4”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: